Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili anche di terze parti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa Cookie

Cosa sono i Cookies
Un cookie è un piccolo file di dati che può essere archiviato nella cartella dei files del vostro browser (programma di navigazione, es: Chrome, Internet Explorer, Safari, etc.) quando si accede al nostro sito web. Quando si visita il sito, i cookies potrebbero essere stabiliti da Watford Italia (solo a livello tecnico) o da altre aziende (cookie di terzi parti) quali ad esempio cookies di Google Analytics o altri fornitori di servizi web e vengono impostati solo con il vostro consenso.
 
Cookie di sessione o transiente
Sono cookies temporanei e sono essenziali per il corretto funzionamento delle pagine web visitate, permangono solo mentre si accede a questo sito web e vengono eliminati quando si chiude il browser. I cookies di sessione aiutano ad esempio il sito a ricordare le scelte nella pagina precedente evitando di reinserire le informazioni. Questi cookies non contengono informazioni personali e non possono essere utilizzati per identificarvi.
 
Cookie dell’utente o persistente
Sono cookies persistenti e vengono definiti la prima volta che il visitatore accede al sito e rimane per una durata stabilita dal sito web (normalmente 12 mesi), anche se alcuni strumenti definiscono cookie della durata di cinquant’anni. Il cookie dell’utente aiuta ad identificare l’azione di uno specifico browser che giunge sul sito web considerandolo come visitatore univoco. Il cookie rimane nel browser finchè non lo si cancella volutamente, attraverso azioni manuali o automatiche del
browser usato per la navigazione, finché non si reinstalla il browser o finché non si svolgono altre azioni analoghe.
 
Cookies diretti o di terze parti
Durante la visita delle pagine in cui sono presenti contenuti incorporati, come un video di YouTube ad esempio, si potrebbero ricevere cookies da tali siti web, Watford Italia non ha alcun controllo sull’impostazione di questi cookies che potrebbero rimanere memorizzati nel vostro browser finché non vengono eliminati o fin quando non raggiungono la loro data di scadenza impostata. Qualora ci siano dei dubbi in merito a tali cookies, verificare i siti web di terzi per ottenere ulteriori informazioni sui loro cookies e capire come gestirli.
 
Collegamenti esterni
Per ulteriori informazioni sui cookies visitare: All About Cookies , Garante sulla Privacy , Wikipedia.

Home

PARLAMENTARI PD ESTERO: NO A UN’ITALIA PIU’ PICCOLA, ISOLATA E XENOFOBA. DAGLI ITALIANI ALL’ESTERO UNA RICHIESTA DI APERTURA E DI CONCRETEZZA

Il voto contrario al governo Lega-5Stelle, che abbiamo manifestato al Senato e che ci accingiamo a confermare alla Camera, al di là di qualsiasi pregiudizio politico si lega ai motivi profondi di cui ci sentiamo portatori come espressione del mondo dell’emigrazione e della nuova italianità nel contesto globale. Di questi valori di apertura internazionale, di rafforzamento dell’immagine e del ruolo dell’Italia, di incontro tra popoli e culture diverse, di governance degli strutturali processi di migrazione, di promozione del Sistema Paese nel mondo, di interculturalità e di solidarietà umana non esistono tracce visibili nel contratto di governo né nel discorso programmatico del Presidente Conte.  

Un discorso, pronunciato in un ‘aula senatoriale trasformata in una specie di palazzetto dello sport, che si risolve in un lungo elenco di generiche intenzioni e di slogan verniciati di nuovismo, per nessuno dei quali è indicato un qualche elemento di compatibilità finanziaria e di gradualità operativa. L’idea di Paese che ne esce è quella di una società dominata da preoccupazioni assistenzialistiche, pronta a interpretare i vincoli europei in termini conflittuali e polemici, senza alcuna visione multilaterale, inconsapevole delle reti di promozione che pure possiede nel mondo sul piano linguistico-culturale, imprenditoriale e professionale, commerciale, grazie anche alle decine di milioni di persone d’origine. Un’Italia, insomma, che ha scelto i suoi nuovi alleati: in Europa Orbàn e nel mondo Putin.

I cinque milioni di cittadini italiani all’estero sono finalmente evocati in un discorso programmatico, ma come protagonisti di brogli elettorali e di criticità, che naturalmente il governo si propone di stroncare. Di fronte all’esperienza di partecipazione democratica realizzata con la circoscrizione Estero vengono i brividi, sarebbe stato mille volte meglio essere ignorati.

“Non siamo e non saremo mai razzisti”, ha proclamato enfaticamente Conte, dopo due giorni di raggelante silenzio sulla morte del povero Sacko, difensore di braccianti sfruttati. Ma più del programma recitato, pesa il programma reale della “pacchia è finita” e dell’”esportazione di galeotti”, così come le posizioni di altri ministri sulla famiglia, sulle questioni di genere, sui vaccini e altro ancora.

Governare significa programmare, fare, realizzare. Gli italiani all’estero in questi anni sono stati destinatari di scelte, politiche, azioni di governo consolidate nel tempo. Vedremo, al di là delle parole di autolegittimazione e di autoconsolazione, quali saranno le proposte e i fatti. Pronti con spirito costruttivo a stimolare, a suggerire, a concorrere al miglior esito delle azioni da mettere in campo, ma anche a giudicare e a levare con fermezza una voce critica quando gli interessi degli italiani all’estero lo richiedano.    

 

I Parlamentari PD Estero: Garavini, Giacobbe, Carè, La Marca, Schirò, Ungaro

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Informati

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sull'attività di Francesco Giacobbe

Senato della Repubblica www.senato.it